top of page

Un uomo



Questo piccolo componimento fu una delle prime "poesie", la scrissi nell'inverno del 87/88. Ricordo come fosse ieri.

Non riuscivo ad esprimere i crescenti, tumultuosi e disordinati sentimenti che in quell'età incalzano e premono sulle volontà. Mi sedetti alla scrivania, in quel tempo in cui la cameretta era ancora condivisa, i letti appaiati e troppo poco distanti. Sentivo il peso di un animo introverso e mite. Cercai un modo di esprimere i miei pensieri, darne un ordine, un senso.

Mio padre era un pittore per diletto, mia madre casalinga e lettrice di Harmony. Capii. Ognuno di noi esprime se stesso con ciò che ha a disposizione. Io avevo qualche libro scolastico, sgualciti perlopiù, quaderni, penne e un libro, che ancora oggi posseggo, di Ovidio che mio padre mi costringeva a leggere. Col tempo ho amato quel libro.

Indossai una penna a sfera e "scrissi" un paio di pagine. Il principio fu un fottio di parole, disordinate e confuse, poi, scrissi due poesie. La seconda fu questa che oggi condivido con voi.

Quel Roberto oggi è ancora lì, seduto a quella scrivania, con il profumo della carta stampata ed il vociferare di Ovidio, Omero, Stephen King e Shakespeare che litigano a tresette..."Silenzio! Per cortesia, sto scrivendo un post su Facebook!"

Seduto, aspettando di sentire la porta di casa aprirsi, per condividere gli spazi infiniti dell'animo umano.

20 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page